Nel mondo dei normali parte ottava: “Cosa fai a San Valentino?”

Di ScateniamoTempeste

Mi sveglio una mattina, che per me è una mattina qualunque di un lungo inverno padano, che potrebbe essere novembre come febbraio, che tanto qui il freddo non finisce mai, arrivo assonnata a lavoro e qualcuna mi rivolge subito, a bruciapelo, la domanda: “ma tu cosa fai a San Valentino?”. La domanda mi lascia atterrita, perché io avevo lasciato il mio cervello qualche mese addietro (forse nella canicola estiva), già i regali natalizi erano stati un peso faticosamente evitato (non proprio tutti) e realizzo che è febbraio, non ho combinato molto delle scadenze lavorative e di ricerca, oltre al lavoro ufficiale che ho e soprattutto, quando scrivo le date, metto ancora 2012 (inizio a scrivere l’anno esatto di solito a marzo, sarà dovuto a una presunta discendenza dagli antichi romani precedente a Numa Pompilio…). Altro

Puttana di cuore. Nel mondo dei normali, parte settima

La teoria di una mia “brillante” collega, oramai litania da giorni: “ci sono donne che sono puttane di culo, quelle che sono puttane di testa e quelle che sono puttane di cuore!”. Non fa una grinza, solo non ho capito se siamo tutte puttane tranne lei e se dobbiamo sceglierci una delle tre categorie o ci giudica lei direttamente. La teoria continua: “quelle di culo, lo fanno per soldi, quelle di testa per prestigio, che però è comunque legato a un tornaconto economico, e quelle di cuore per sentirsi approvate dai maschi, con cui si comportano da gatte morte, pur di conquistarli tutti, rovinano famiglie, fanno separare i mariti, li conquistano, li lasciano a loro volta, solo dopo averli ridotti sul lastrico”. Altro

Riflessioni di mezza estate (per donne e non solo)

Ho proposto a un uomo di uscire a cena al ristorante egiziano. Glielo ho proposto perché si mangia bene e, parlando, si vedeva che c’erano molte affinità e aveva gli occhi scuri e tristi…

A un uomo ho proposto, su due piedi, di venire a casa mia e di passare con me la notte. Al mattino abbiamo visto l’alba. Non si sa se vedremo altre albe assieme o se quella è stata l’unica. Di fatto, è stato un momento bello e emozionante. Altro

Social love. L’amore ai tempi di internet. Nel mondo dei normali. Parte sesta

“Allora ti ha chiamata?” “No, ma vedo che è connesso su facebook!”; “Lui ha cambiato il suo stato, ora è impegnato!”; “Ha scritto che qualcosa non va, che ha paura, ma non sarà riferito a me?!”; “Oddio, Lalla è incinta!”.

Ecco, qualcuno ci ha già pensato e da tempo ha scritto un libro sull’amore ai tempi di facebook, che io non ho letto ma non credo di essermi persa granché (salvo che poi magari mi ricrederò!), in ogni caso una riflessione in più sull’amore, e altri sentimenti, quando in mezzo ci sono i social network, forse non è di danno a nessuno/a, soprattutto se, nel farla, usiamo un po’ di ironia. Altro

Morire d’amore? No grazie!

Che siamo diversi sotto tutti gli aspetti non ci sono dubbi. Che siamo diversi perché da secoli si perpetrano le stesse logiche e gli stessi meccanismi sociali non ci piove. Da un po’ però rifletto quanto poco spazio venga concesso alla discussione pubblica sulla violenza sulle donne e, in particolare, sui femminicidi. Altro

La Lega Nord all’attacco dei libri per bambini

Non sai più se ridere o piangere se Matteo Salvini, classe 1973, capogruppo al Comune di Milano per la Lega Nord, se la prende con un libro per bambini:  Piccola storia di una famiglia: perché hai due mamme?, pubblicato dalla piccola casa editrice Lo Stampatello.

Il testo racconta la storia di Meri e Franci che si amano, vogliono fare una famiglia e vanno in Olanda, dove Franci si fa fare un “semino”, da cui nasce Margherita. Il libro si rivolge ai bambini e alle bambine con genitori dello stesso sesso e, che fin da piccoli, sono sottoposti alla curiosità degli altri. Fine. Altro

L’imene artificiale e il mito della verginità da decostruire

Vengo a conoscenza dal Corriere della Sera che in Cina hanno vietato le vendite dell’imene artificiale, perché causerebbe infezioni. E io che non ero al corrente neppure dell’esistenza! L’imene artificiale, questa genialata orientale, permette di ricostruire la verginità in maniera pratica e senza operazioni chirurgiche ed è una membrana che, dopo opportuno inserimento, rilascia durante la penetrazione un liquido rosso simile al sangue, in giusta quantità! Altro

Voci precedenti più vecchie