La differenza fra Renzo Bossi e me

E come faccio a spiegarvi l’enorme differenza fra Renzo Bossi e la mia modestissima persona? Io non ho comprato una laurea, lo stato mi frega dieci volte al giorno con tasse, gabelle, multe ingiuste, corsi di aggiornamento a pagamento, eccetera. Il mio stipendio è un ventesimo del suo ogni mese (e per di più precario) e non ho neppure una famiglia che conta. Altro

No Tav e dis-informazione. Ovvero: l’avevo detto ieri

Ricordo come fosse oggi il 25 aprile del 1994, il mio primo venticinqueaprile in piazza. Pioveva tantissimo ed eravamo fradici ma felici. Quell’anno a Milano ci furono tafferugli, perché i poliziotti non volevano far confluire il corteo dei centri sociali con quello ufficiale. Avevo quattordici anni ed ero una ragazzina ancora ingenua, sinceramente un po’ spaventata da quanto stava accadendo e non troppo preparata visto che, oltre a una fede – allora – un po’ da cattoratorianacomunista, la motivazione della mia partecipazione al corteo era il ragazzino dai riccioli d’oro un po’ più grande di me. Sta di fatto che il ragazzino dai ricci d’oro è molto agile e si porta subito davanti alla polizia, io lo seguo estasiata dal suo coraggio, avanzo un po’ troppo e un energumeno di poliziotto mi strattona via dicendo: “comunistella di merda, troia”. Insomma poi, quello che successe quel giorno è oramai storia, Berlusconi che ha appena vinto le elezioni, un milione di persone in piazza, la Lega che sfila…il mio battesimo politico. Altro

Belen, Fornero, Bersani: cronache di un paese piccolo piccolo

Premessa: mentre in Grecia la gente comune scende in piazza contro la crisi e si ribella di fronte alle misure prese dal governo che, al solito, sono uno scippo alle classi sociali meno abbienti, in Italia i problemi sono ben altri! Il Paese si ferma a commentare la farfalla di Belen e ognuno/a deve dire la sua, anche il segretario del piddì. 

 A volte penso che se non fossi, come la maggior parte degli italiani, assuefatta dal modo con cui si fa (dis)informazione in questo paese e se vivessi in uno stato in cui agli avvenimenti viene dato il giusto peso – e di conseguenza anche nel modo in cui vengono annunciati in tv – mi avrebbe davvero dato molto fastidio vedere alternarsi nei principali telegiornali le immagini delle rivolte di piazza in Grecia (mezzo minuto di notizia) e gli approfondimenti sul Festival di San Remo, in cui si polemizzava per questo e quello detto da Celentano e per lo spacco vertiginoso della Belen, per cinque nauseanti minuti. Altro

Perché non mi lascio dire “bambocciona” da ex-sessantottini e privilegiati

Mi indigna particolarmente leggere sui quotidiani o sentire in televisione il continuo bombardamento di politici e opinionisti contro i nati fra la metà degli anni ’70 e la metà degli anni ’80, che vengono definiti sfigati, bamboccioni, eterni adolescenti dagli ex-rivoluzionari sessantottini o da gente che ha approfittato dei diritti in espansione in quegli anni per fare carriera e che, dopo aver ottenuto la promozione sociale, oggi ha trasformato quei diritti in privilegi. Altro

La Lega Nord all’attacco dei libri per bambini

Non sai più se ridere o piangere se Matteo Salvini, classe 1973, capogruppo al Comune di Milano per la Lega Nord, se la prende con un libro per bambini:  Piccola storia di una famiglia: perché hai due mamme?, pubblicato dalla piccola casa editrice Lo Stampatello.

Il testo racconta la storia di Meri e Franci che si amano, vogliono fare una famiglia e vanno in Olanda, dove Franci si fa fare un “semino”, da cui nasce Margherita. Il libro si rivolge ai bambini e alle bambine con genitori dello stesso sesso e, che fin da piccoli, sono sottoposti alla curiosità degli altri. Fine. Altro

Odio, di classe! Su Monti e il posto fisso

Il governo Monti, come tutti i precedenti degli ultimi anni, ci sta abituando di nuovo ad essere derisi grazie alle battutine dei ministri, i finti pianti delle ministre, gli insulti dei sottosegretari con problemi di sociopatia e ora l’ironia del premier, che dice ai giovani che il posto fisso è noioso.
A parte che ciò che è noioso per me, caro Mario, se permetti vorrei scegliermelo da me medesima stessa, visto che millanti democrazia da ogni poro e poi mi dici anche che cosa per me deve essere noioso o no. Per me magari è noioso guardare Baywach, o mettere lo smalto alle unghie, o anche – è vero – andare a lavorare tutti i giorni nello stesso posto. Altro

Cuba e la coscienza sporca della socialdemocrazia

Nessun posto sulla terra è un paradiso e Cuba non è un paradiso. L’errore che si fa più spesso quando si parla dell’isola delle Antille è quello di pensare che, siccome là c’è stata la Rivoluzione, allora Cuba deve essere il posto più libero e ricco del pianeta. E invece Cuba è un paese povero e combatte da sola una guerra fredda almeno dal 1991, cioè da quando, finito il Comunismo in Europa, è stata abbandonata in mezzo al mare al suo destino. Sui rapporti complessi – e spesso di stampo coloniale – tra la Russia sovietica e l’isola caraibica nel passato, tralascio, quello che è certo è che da sempre gli Stati Uniti vorrebbero rimettere piede sull’isola con ogni mezzo, compreso quello della tentazione consumistica e della diffamazione del governo e della politica dei Castro. Anche in Italia questa politica viene portata avanti da tutte le formazioni presenti nel parlamento oggi, e in particolare da quelle socialdemocratiche, del PD e affini, e da quotidiani come La Repubblica e Il Corriere della Sera, che appena succede qualcosa sull’isola, pensano a divulgarlo, magari storpiandolo e senza conoscere la realtà cubana, al fine di gettare fango. Altro