Il divieto alla fecondazione eterologa è incostituzionale

Di Elisabetta Teghil

Uno dei tratti caratteristici del capitalismo odierno è l’ideologia dello scientismo inteso come valutazione positiva della scienza, dando a questa una connotazione neutrale, dimenticando che quest’ultima può diventare scienza quando trovi l’appoggio di un gruppo di esperti/e che accetti le regole del gioco e si costituisca in corporazione, crei un suo linguaggio, cioè che sia disposto a diventare azienda tra le aziende accettando e inserendosi nella divisione del lavoro e del mercato.

E’ a questa logica che dobbiamo sottrarci, non dobbiamo diventare un’altra corporazione, ma dobbiamo distruggere anche simbolicamente il coinvolgimento nel falso dibattito “é scientifico o no?”. Altro